logo Cinema Lesbico
associazione LLI mailing list LLI meeting LLI
adotta un film guida al sito contatti
41 utenti on line
login
Per poter diventare utente attivo nel portale, e' necessaria la tua iscrizione cliccando qui. Se hai gia' provveduto, puoi loggarti direttamente. Grazie.
nickname
password
password dimenticata?
narrativa
fantascienza
fantasy
fumetto
giallo
humor
poesia
racconti
romanzi
varie
Tutti i generi
saggistica
varie
Tutte le tipologie
aree tematiche
biografie e autobiografie
libri per adolescenti
libri per bambini/e
varie
Tutti i Libri
Internet Book Shop
Questo sito e' partner
di Internet Book Shop.
Acquistando le videocassette
o i DVS da questo portale,
la percentuale dell'8% verra'
devoluta all'Associazione
Lista Lesbica Italiana.
A te non costera' nulla,
ma in compenso contribuirai
al mantenimento di questo
sito, di quello dei libri lesbici
e del portale della lista lesbica.
ultimi libri inseriti
classifiche
news dal sito
newsletter
nessun dato presente
ricerca semplice titolo libro:
  Per cercare con piu' criteri, vai alla RICERCA AVANZATA
In questo momento e' on line: utenti connessi non presenti
Volevo solo un biglietto del tram
di Sara Sajetti
Chiara è lesbica, vive a Milano, ha un’amica carissima, Simo, e un progetto in fase di inizio: girare un film sulla sua vita, in particolare sulle sue sfigatissime e innumerevoli storie con amanti una peggiore dell’altra. Ma Silvia, l’attrice protagonista, quella che la deve interpretare sullo schermo, muore misteriosamente prima del ciak. Suicidio? No, omicidio!

Chi è in realtà Silvia, che nessuna del giro milanese conosce bene, dato che ha vissuto molto a Londra? Chi poteva volerla morta? La polizia, nei panni di una fascinosa commissaria quarantenne, si convince che il delitto sia maturato all’interno del mondo lesbico, e chiede a Chiara di introdurla nell’ambiente e di aiutarla ad indagare ufficiosamente.

Le due socie, col tempo sempre più a proprio agio l’una con l’altra, battono tutti i locali lesbici della città, incontrano un mucchio di ex (di Chiara, naturalmente), scoprono aspetti misteriosi della vita della morta che la legano a…..
Ovviamente non vi racconterò altro!

Leggendo “Volevo solo un biglietto del tram” di Sarah Sajetti ho ripensato alle descrizioni di ambiente dei gialli della Scoppettone, e, data l’ambientazione a Milano, al primo felice libro di Fiorella Cagnoni, “Questione di tempo”. Ma il tocco in più è dato dall’abbinamento dell’ambiente milanese con un tocco ironico molto particolare e decisamente ben riuscito.
titolo originale: Volevo solo un biglietto del tram
casa editrice: Robin
nazionalita': Italia
anno: 2008
pagine: 221 pag
genere: giallo
percorso:
disponibile in: eBook
lingua: Italiano, tradotto
   
UTILITIES
vota Volevo solo un biglietto del tram
altri libri di: Sara Sajetti
dati non pervenuti
   
FUN
segnalazioni dati non pervenuti
extra dati non pervenuti
 
 
 
 
   
Commenti
Attenzione: non hai effettuato il login oppure non hai ancora provveduto a registrarti al sito.
Per poter inserire un commento è necessario aver effettuato il login oppure procedere con la registrazione al sito.
  1 sidano il 1 marzo 2014 alle ore 19:28:51 scrive:
    Ho finito ieri sera questo libro e onestamente mi è piaciuto molto. Non ci sono parti troppo dilungate, si svolge tutto molto velocemente, tanto che h...leggi
 
torna indietro
  questa scheda e' stata inserita il 01/05/2012 da loreh ed e' stata letta 11644 volte   
| associazione LLI | mailing list LLI | meeting LLI | adotta un libro | guida al sito | contatti |
| in libreria | news | classifiche | newsletter | disclaimer | credits |

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons